La Foppapedretti prova ancora una volta ad essere più forte delle difficoltà, parte bene, lotta ed entusiasma nel secondo set. Ma poi si arrende. E Busto conquista la vittoria.

LA GARA. C’è anche Popovic, recuperata dell’ultimo minuto, in campo con Malagurski, Marcon, Paggi, Boldini, Acosta e il libero Cardullo. Busto risponde con Piani, Stufi, Gennari, Orro, Bartsch, Berti e il libero Spirito.

La Foppapedretti parte subito forte e prova a non lasciare tempo a Busto di studiare contromisure. Il ritorno delle padrone di casa non si fa però attendere e sul 12-8 per Busto dentro Battista per Malagurski. Con Piani e Bartsch Busto allunga, la Foppapedretti spreca e la distanza si fa incolmabile: non bastano Malagurski e Marcon (4 punti la prima, 3 la seconda) e finisce 25-14 .

La Foppapedretti riordina le idee e reagisce con il muro di Paggi (4 solo nel secondo set) e la pipe di Acosta. Sono loro a guidare l’attacco. Complici le difese di Cardullo e i primi tempi di Popovic, le rossoblù riescono a tenersi avanti, Busto risponde con Piani e quando riaggancia sul 16 pari ci pensa Malagurski a riportare avanti Bergamo. E’ punto a punto fino al break di Piani per il 21-19. Popovic e Malagurski tengono aperti i giochi e rispondono a Gennari, Paggi e un errore dell’attacco avversario riportano la parità sul 23-23. Il parziale si fa interminabile, i recuperi difensivi su entrambi i fronti entusiasmano, Marcon regala la prima palla set alla Foppapedretti sul 27-27 e si ripete sul 29 pari. Le rossoblù non cedono, rispondono colpo a colpo, Acosta fa 32 e 33. Ed è uno pari.

La ripartenza di Busto è fulminante: 7-0 per le padrone di casa. Ci vuole Marcon per spezzare l’egemonia, ma la battuta e il muro continuano a fare la differenza per la Unet E.Work che va 11-2. La Foppapedretti non riesce a prendere le contromisure e sul 18-8 Battista dà il cambio a Acosta, ma l’attacco non si sblocca e Busto va due a uno.

L’inizio del quarto set rispecchia le fasi iniziali del parziale precedente: Busto mette sotto pressione la ricezione e la Foppapedretti non riesce a ricostruire. E’ Stufi a guidare l’attacco in questa fase che porta Busto al successo per tre set a uno.

HANNO DETTO. Francesca Marcon: “Siamo amareggiate perché stiamo sprecando la possibilità di raccogliere qualche punto. Quest’anno non è comunque facile giocare contro nessuna squadra. Noi non stiamo offrendo delle belle prestazioni ma restiamo convinte di poter fare bene e andiamo avanti.
L’assenza di Lia e Miriam stanno pensando molto sulla squadra. Abbiamo bisogno di loro perché voglio risalire la classifica”.

Paola Paggi: “Difficile trovare qualcosa di positivo dopo una nuova sconfitta. Un secondo set giocato bene, una buona partenza nel primo, ma le insicurezze arrivano quando facciamo qualche errore. E’ difficile giocare così, ma dobbiamo guardare avanti, non c’è alternativa.
La squadra vera non si è ancora allenata tutta insieme: le difficoltà ci cono ma non voglio nascondermi. Non ci possiamo permettere di fare brutte figure”.

Ora dieci giorni di pausa prima di rivedere in campo la Foppapedretti: il match casalingo con Conegliano è infatti posticipato a mercoledì 15 novembre per gli impegni delle venete in Champions League. Per la Foppapedretti una buona occasione per dare tempo all’infermeria di svuotarsi.

Unet E-Work Busto Arsizio-Foppapedretti Bergamo 3-1 (25-14, 31-33, 25-11, 25-16)
Unet E-Work Busto Arsizio: Piani 19, Stufi 14, Spirito (L), Gennari 20, Dall’Igna n.e., Orro 2, Wilhite 1, Diouf n.e., Bartsch 19, Berti 7, Negretti , Chausheva , Botezat n.e. All. Mencarelli
Foppapedretti Bergamo: Strunjak , Imperiali , Malagurski 13, Battista 3, Popovic 8, Breda n.e., Cardullo (L), Marcon 9, Paggi 8, Boldini 1, Malinov n.e., Sylla n.e., Acosta 12. All. Micoli
Arbitri: Andrea Puecher e Giuseppe Curto
Video Check: Giordano Marchi
Referto Elettronico: Mariarosa Rosa

Note
Durata Set: 27′, 43′, 25′, 24′
Battute Vincenti: Busto 5, Bergamo 1
Battute Sbagliate: Busto 13, Bergamo 10
Muri: Busto 8, Bergamo 8
Errori: Busto 20, Bergamo 25