La Foppapedretti prova a rialzarsi. Nel secondo turno casalingo consecutivo prova a sfruttare le mura amiche per opporsi a Casalmaggiore. E dopo un avvio tutto delle ospiti, le padrone di casa rialzano la testa. Non basta per avere la meglio, le assenze pesano ancora troppo, ma le rossoblù hanno mostrato una prestazione che ha saputo mostrare una reazione che le ha portate a sfiorare l’aggancio alla Pomì. Con una Acosta efficace in attacco e a muro, la sfida si è chiusa in quattro set.

LA GARA. Ancora due giovanissime nel roster rossoblù: la centrale Clelia Molinari e la schiacciatrice Francesca Bettoni, entrambe classe 2002. In tribuna Mina Popovic, bloccata dall’infortunio alla caviglia destra. In panchina ci sono invece Miriam Sylla e Lia Malinov, entrambe solo spettatrici in attesa di recuperare dai rispettivi infortuni.

Si comincia con il sestetto forzato della Foppapedretti con Strunjak, Malagurski, Marcon, Paggi, Boldini, Acosta e il libero Cardullo. Casalmaggiore risponde con  Martinez, Guiggi, Pavan, Guerra, Stevanovic, Rondon e il libero Sirressi.

La neo arrivata in casa Pomì, Martinez, si fa subito sentire e insieme a Stevanovic (100% in attacco nel primo set) e Pavan mette alle strette le difese della Foppapedretti, che non riesce a ricostruire e a superare il muro ospite.

La reazione arriva nel secondo set, con le rossoblù brave a non perdersi, non commettere errori e a riavvicinarsi, portandosi a navigare a -1 e ad agganciare Casalmaggiore con Acosta sul 15 pari. La Pomì scappa però di nuovo a +4, mantiene le distanze e le allunga con Guerra e Martinez che vanno a chiudere per il due a zero.

La Foppapedretti, però, non si arrende: si tiene agganciata e sorpassa Casalamaggiore al 10-9 e con Acosta fa il break del 12-10. E’ la venezuelana la protagonista di questa parte del match che vede la Foppapedretti volare 15-10. La Pomì ha provato nel frattempo il cambio di regia, inserendo Cyr per Rondon, ma il muro di Bergamo non cede e con la fast di Paggi va 18-13. Malagurski non vuole essere da meno e allunga. Risponde Pavan, Starcevic dà il cambio a Martinez, ma la Foppapedretti non cede: il muro di Acosta porta al 23-18. Casamaggiore reagisce, ma chiudono Malagurski e un errore ospite. Uno a due e si va al quarto parziale.

Sul 6-9, un black out lascia il PalaNorda al buio e costringe le due squadre ad una lunga sosta. La tensione in campo, però non si spegne: Martinez risponde a Malagurski, Marcon fa ace e la Foppapedretti si tiene in gioco. Il muro di Guiggi vale il 13-16, ma le risponde subito Malagurski.
Acosta tiene agganciate le rossoblù fino alla parità al 23. Un doppio muro di Casalmaggiore chiude però le speranze di allungare il match. Finisce 1-3

Dopo il doppio turno casalingo, si torna in scena sabato, alle 20.30, a Busto Arsizio.

Foppapedretti Bergamo-Pomì Casalmaggiore 1-3 (12-25, 19-25, 25-21, 23-25)
Foppapedretti Bergamo: Strunjak 6, Imperiali n.e., Malagurski 14, Battista , Bettoni n.e., Cardullo (L), Marcon 7, Paggi 8, Boldini 2, Malinov  n.e., Molinari n.e., Sylla n.e., Acosta 17. All. Micoli
Pomì Casalmaggiore: Martinez 24, Cyr , Napodano , Sirressi (L) , Guiggi 4, Zeng , Pavan 13, Starcevic , Guerra 12, Zago 2, Stevanovic 14, Rondon 4, Zambelli n.e. All. Abbondanza
Arbitri: Armando Simbari e Maurizio Canessa
Addetto al VideoCheck: Elena Bartesaghi
Referto Elettronico: Andrea Gatti

Note
Durata Set: 20’, 25’, 28’, 41′
Battute Vincenti: Bergamo 2, Casalmaggiore 3
Battute Sbagliate: Bergamo 6, Casalmaggiore 11
Muri: Bergamo 11, Casalmaggiore 13
Errori: Bergamo 21, Casalmaggiore 24
Spettatori: 1.057
Incasso: € 8.976